Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Al via i finanziamenti dei progetti Horizon Europe per la transizione ecologica

Al via il cluster 6 “Prodotti alimentari, bioeconomia, risorse naturali, agricoltura e ambiente” del programma Horizon Europe. I singoli bandi sono aperti a università, centri di ricerca pubblici e privati, associazioni, pubbliche amministrazioni, industrie, nonché piccole e medie imprese ad alto valore tecnologico. L’agevolazione massima è legata ai costi effettivi di progetto ed è calcolata in base al tasso massimo di finanziamento riferito alle varie categorie di costi. 

La ricerca e l’innovazione (R&I) in questo cluster contribuiranno agli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e ad accelerare la transizione ecologica richiesta dal Green Deal europeo, promuovere pratiche sostenibili in agricoltura, acquacoltura, pesca e silvicoltura, produrre cibo sano e sicuro, garantire un accesso ad acqua, aria e suoli puliti per tutti.

Il programma Horizon Europe per il Cluster 6 prevede in tutto 7 destination:

  • destination 1 – biodiversità e servizi degli ecosistemi: per il sostegno e il recupero della biodiversità, la preservazione e il ripristino degli ecosistemi e dei loro servizi attraverso una gestione sostenibile delle risorse e una migliore conoscenza e capacità di innovazione sulla terraferma, nelle acque interne e in mare;
  • destination 2 – sistemi alimentari, agricoli e di allevamento sicuri dalla fase di produzione a quella del consumo: per la promozione di sistemi alimentari, agricoli e di allevamento sicuri, resilienti, climaticamente neutri che offrano cibo tracciabile, sano, economico e sostenibile;
  • destination 3 – economia circolare e i settori della bioeconomia: per il sostegno alla transizione all’economia circolare e alla bioeconomia individuando soluzioni circolari integrate e sicure per materiali e catene di valore importanti, come i settori del tessile, dell’elettronica, della plastica, dell’edilizia, la silvicoltura sostenibile, le soluzioni rurali bio-based su piccola scala e le catene di valore acquatiche;
  • destination 4 – ambiente pulito e ad inquinamento zero: per l’arresto e la prevenzione dell’inquinamento con un focus sulle acque dolci e marine, i suoli e l’aria, con attenzione alle emissioni di azoto e di fosforo, nonché sulle prestazioni ambientali e la sostenibilità dei processi nei sistemi bio-based;
  • destination 5 – suolo, oceano e acqua per l’azione per il clima: che mira a migliorare la comprensione dell’impatto del cambiamento climatico sugli ambienti terresti e marini, sulle risorse naturali, l’agricoltura e i sistemi agroalimentari, identificando azioni di mitigazioni e percorsi di adattabilità;
  • destination 6 – comunità urbane resilienti, inclusive, sane, rurali verdi e costiere: le attività previste su questo tema devono prestare particolare attenzione alle scienze sociali e comportamentali e agli aspetti di genere. Devono promuovere uno sviluppo sostenibile, equilibrato e inclusivo delle aree rurali, costiere e urbane;
  • destination 7 – governance innovativa, osservazione dell’ambiente e soluzioni digitali a sostegno del Green Deal: l’ attività da realizzare devono mirare a sperimentare nuovi modi di governare il processo di transizione e a modernizzare la governance, in particolare rendendo le informazioni e le conoscenze disponibili e accessibili.

Le diverse call sono aperte a qualsiasi “soggetto giuridico” inteso come qualsiasi persona fisica o giuridica costituita e riconosciuta come tale ai sensi del diritto nazionale, dell’UE o internazionale, dotato di personalità giuridica. In sostanza possono partecipare: università, centri di ricerca pubblici e privati, associazioni, pubbliche amministrazioni, operatori del settore, industrie, nonché piccole e medie imprese ad alto valore tecnologico.

L’agevolazione massima è legata ai costi effettivi di progetto ed è calcolata il base al tasso massimo di finanziamento riferito alle varie categorie di costi.

  • Azione di ricerca e innovazione: 100%
  • Azione di innovazione: 70%
  • Azione di coordinamento e sostegno: 100%
  • Azione di cofinanziamento del programma: tra il 30% e il 70%
  • Innovazione e diffusione sul mercato: 70%
  • Azioni di formazione e mobilità: 100%
  • Azione di approvvigionamento pre-commerciale: 100%
  • Azione di appalto pubblico di soluzioni innovative: 50%

Le domande devono essere presentate elettronicamente attraverso il sistema di presentazione elettronica del Funding & Tenders Portal (accessibile tramite la pagina dei topics nella sezione Search Funding & Tenders).
I beneficiari e gli enti affiliati devono registrarsi nel registro dei partecipanti prima di presentare la loro domanda, al fine di ottenere un codice di identificazione del partecipante (PIC) ed essere convalidati dal Servizio centrale di convalida (REA Validation) prima di firmare la convenzione di sovvenzione.
Per la convalida, è necessario caricare la documentazione, in fase di predisposizione della sovvenzione, che attesti lo status legale e la provenienza.
Il termine di presentazione delle candidature è fissato per il 15 febbraio 2022.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Presentati i bandi di FARE IMPRESA LAZIO

In data 29 luglio 2022 è stata presentata, presso la Camera di Commercio di Roma, l’iniziativa “Fare Impresa Lazio”, un insieme di misure messe in campo e in programmazione per sostenere la ripartenza delle Pmi del territorio. In totale, 205 milioni a sostegno della competitività

Al via i nuovi obblighi informativi sul contratto di lavoro

Nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2022, n. 176 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 27 giugno 2022, n. 104, recante “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione

Contattaci