Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Al via in Senato la discussione sulla legge di Bilancio 2022

Iniziata in Senato la discussione sul disegno di legge di Bilancio 2022.
Di seguito, le misure più rilevanti:

  • Pensioni – confermato l’addio a Quota 100 con al suo posto una Quota 102, che permetterà l’uscita a 64 anni di età e 38 anni di contributi. Prorogata l’Ape Sociale, ma all’anticipo pensionistico potranno accedere altre categorie di lavoratori, ossia le nuove professioni gravose individuate dall’apposita Commissione. Prorogata, infine, anche per Opzione Donna: potranno accedervi coloro che ne maturano i requisiti entro il 31 dicembre 2021.
  • Contratto di espansione – prorogato anche per 2022 e 2023 l’istituto in commento (lo scivolo pensionistico fino a cinque anni per favorire il turnover aziendale, con spese a carico dell’azienda): vi potranno accedere le aziende con almeno 50 dipendenti (oggi il limite era pari a 100).
  • Reddito di Cittadinanza – al rifiuto della prima offerta di lavoro, il Reddito di Cittadinanza subirà un taglio di € 5,00 al mese ma solamente per la quota riconosciuta agli occupabili, ossia a coloro che si trovano nella condizione di firmare il Patto di Lavoro. Esclusi dal taglio i nuclei con bambini di età inferiore ai tre anni come pure quelli con disabili gravi o non autosufficienti. Nessuna riduzione neppure per chi riceve meno di € 300 (limite moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza). Nessun taglio se uno dei componenti del nucleo inizia a lavorare. Riviste anche le norme riguardanti la cd. offerta congrua, con il RdC che decade già al secondo rifiuto (e non più al terzo come avviene oggi). Il Reddito di Cittadinanza decade anche per chi non si presenta almeno una volta al mese presso il centro per l’impiego.
  • Congedo di paternità – diventa strutturale il congedo obbligatorio di 10 giorni.
    • Apprendistato professionalizzante senza limiti d’età – le disposizioni ex art. 47, comma 4, Dlgs. n. 81/2015 riguarderanno anche i lavoratori beneficiari del trattamento di integrazione salariare straordinario (CIGS).
  • Tutela per le donne lavoratrici – proroga del congedo di maternità in alcune occasioni e decontribuzione per le lavoratrici che invece rientrano dalla maternità. Stanziati 52 milioni di euro per la parità salariale uomo-donna.
  • Riforma degli ammortizzatori sociali – estesi gli ammortizzatori sociali alle imprese sotto i 5 dipendenti, oggi scoperti dalla CIG. Dal gennaio 2022 l’aliquota di finanziamento del FIS (Fondo integrazione salariale) sale a:
  • 0,50% per i datori di lavoro che, nel semestre precedente la presentazione della domanda, abbiano occupato fino a cinque dipendenti;
  • 0,80% per i datori di lavoro con più di cinque dipendenti.

Novità anche per NASpI (allargamento della platea dei beneficiari e nuova modalità di calcolo del decalage) e DIS-COLL (nuova modalità di calcolo del decalage).

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Contattaci