Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Al via lo sportello per le richieste di contributi e crediti d’imposta per il turismo

Al via le domande per il credito di imposta e il contributo a fondo perduto per riqualificare le strutture del comparto turistico.

Ai fini della presentazione delle domande, è necessario:

  • essere in possesso di un’identità digitale (SPID, CNS, CIE);
  • disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) del legale rappresentante del soggetto proponente.

La domanda di agevolazione si genererà autonomamente con i dati inseriti sulla piattaforma.

Al termine della procedura on line viene assegnato un protocollo elettronico.

È possibile presentare una sola domanda di incentivo per una sola struttura di impresa oggetto di intervento.

Entro il 30 marzo 2022 è possibile eventualmente modificare o integrare una domanda già presentata. In questo caso verrà attribuito un nuovo protocollo e un nuovo ordine cronologico.

Durante la presentazione della domanda potrebbe apparire un messaggio che indica la creazione di una “coda virtuale”. Verrà mostrato il tempo stimato di attesa, al termine del quale sarà possibile procedere con la compilazione della domanda in base all’ordine di arrivo (in tal senso, durante l’attesa, per non perdere la priorità acquisita, non si dovrà né chiudere il browser e né aggiornare la pagina).

Alla domanda deve essere allegata obbligatoriamente la seguente documentazione:

  • scheda progetto;
  • documento di identità e codice fiscale del legale rappresentante e (se presente) del delegato con procura;
  • dichiarazione rispetto dei principi PNRR;
  • DSAN possesso dei requisiti;
  • asseverazione tecnico abilitato su congruenza costi e coerenza tempistica di realizzazione (per la quale non è previsto un format). Si tratta di un’attestazione firmata da un tecnico abilitato, iscritto al relativo albo professionale, in cui si afferma che a fronte dell’intervento realizzato/da realizzare i costi sono in linea col mercato e che le date di inizio e fine lavori siano coerenti con gli interventi previsti dal programma di investimento. Il documento non deve essere firmato dal legale rappresentante dell’impresa/società.

Le domande sono esaminate in ordine cronologico di presentazione.

Nel caso di esaurimento delle risorse disponibili prima del raggiungimento dell’obiettivo del numero minimo di 3.500 imprese beneficiarie, gli incentivi verranno comunque concessi alle prime 3.700 imprese turistiche e l’incentivo riconoscibile verrà di conseguenza ridotto in misura proporzionale.

Dopo la verifica delle domande, entro 60 giorni dalla chiusura dello sportello (fatte salve eventuali richieste di integrazioni e chiarimenti), il Ministero del turismo procede alla concessione dei contributi sulla base dell’ordine cronologico di ricezione delle domande rilevato dalla procedura online.

Schema riepilogativo dell’agevolazione:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

L’invio delle domande sarà possibile dal 28 febbraio al 30 marzo 2022. Le istanze devono essere compilate e trasmesse attraverso la piattaforma web di Invitalia. Le concessioni sono disposte con uno o più decreti del Ministero del turismo pubblicati sul sito istituzionale del Ministero del turismo (www.ministeroturismo.gov.it/) e nella sezione dedicata alla misura sul sito istituzionale di Invitalia S.p.A. (www.invitalia.it).

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Presentati i bandi di FARE IMPRESA LAZIO

In data 29 luglio 2022 è stata presentata, presso la Camera di Commercio di Roma, l’iniziativa “Fare Impresa Lazio”, un insieme di misure messe in campo e in programmazione per sostenere la ripartenza delle Pmi del territorio. In totale, 205 milioni a sostegno della competitività

Al via i nuovi obblighi informativi sul contratto di lavoro

Nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2022, n. 176 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 27 giugno 2022, n. 104, recante “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione

Contattaci