Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Apprendistato I livello – i nuovi chiarimenti dell’INPS (2-2)

L’INPS – con Circolare del 18 giugno 2021, n. 87 – ha reso note le istruzioni operative in merito allo sgravio contributivo per le assunzioni con contratto di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore.

A mente della legge n. 160/20219 (a valere sul 2020) e successivamente modificata dalla legge n. 176/2020 (a valere sul 2021), per il biennio 2020/2021, le aziende fino a 9 addetti che assumeranno con tale contratto, adotteranno l’aliquota contributiva pari a 0 per i primi 3 anni.

Per gli anni di contratto successivi al terzo, invece, resta ferma l’aliquota contributiva del 10%.

In tal senso, i datori di lavoro compileranno il flusso Uniemens indicando:

  • nell’elemento “Qualifica1” il codice “5”, avente il significato di “Apprendista”
  • nell’elemento “TipoLavoratore” il codice “PA” avente il significato di “Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore”.

 

Per i primi tre anni di apprendistato, nell’elemento “TipoContribuzione” si dovranno invece indicati nella tabella che segue:

Per il recupero degli apprendisti assunti da gennaio 2020, i datori di lavoro possono procedere al recupero delle differenze contributive valorizzando:

  • all’interno di “DenunciaIndividuale”, “DatiRetributivi”, “AltreACredito”, “CausaleACredito” il codice causale di nuova istituzione “L603
  • in “ImportoACredito” l’importo dell’eccedenza contributiva da recuperare.

Il recupero può essere effettuato esclusivamente nei flussi Uniemens di competenza dei mesi di luglio e agosto 2021.

Clicca per saperne di più.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Rapporto annuale INAPP: analisi e riflessioni sulla formazione in Italia

Il Rapporto annuale INAPP “Lavoro e formazione: l’Italia di fronte alle sfide del futuro” rappresenta un prezioso strumento di riflessione per chi, come noi, si occupa di queste tematiche. Nel novero dei dati emersi, tutti molto interessanti, penso sia utile soffermarsi su quelli relativi alla

Contattaci