Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Firmato l’accordo integrativo del CCNL Metalmeccanici Artigianato

In data 20 maggio 2021 è stato siglato – tra CONFLAVORO PMI con FESICA CONFSAL – l’Accordo che ridefinisce alcuni istituti contrattuali del CCNL per gli addetti al settore metalmeccanico artigiano, con decorrenza 01 giugno 2021.

Di seguito, le novità più rilevanti.

I nuovi importi della paga base conglobata nel settore Metalmeccanica e installazione di impianti sono i seguenti:

 

Livelli Importi mensili
1 1.748,00
2 1.626,00
3 1.536,00
4 1.477,00
5 1.392,00
6 1.341,00
7 1.278,00

 

La retribuzione di primo ingresso può essere corrisposta – per i primi 2 anni – con una riduzione del 7,5% per il primo anno e del 5% per il secondo anno, rispetto al livello ordinario di inquadramento.

L’azienda può concedere permessi al lavoratore in uscita per favorire la sua formazione e la realizzazione di colloqui di lavoro ed entro 5 giorni dal recesso trasmette all’Ente bilaterale i dati del lavoratore necessari per la ricerca di nuova occupazione.

Al fine di favorire il reinserimento lavorativo, viene introdotto l’istituto del contratto di reinserimento a tempo indeterminato o determinato, applicabile ai lavoratori di prima assunzione o che non abbiano precedentemente avuto un rapporto di lavoro con il medesimo datore di lavoro negli ultimi 12 mesi, a condizione che non abbiano già svolto le stesse mansioni, che abbiano più di 35 anni di età, e che si trovino in condizione di disoccupazione o sospensione, alla ricerca di nuova occupazione, o che abbiano cessato un’attività autonoma.
Ai suddetti lavoratori si applicano tutte le previsioni economiche e normative del contratto nazionale e di eventuali accordi aziendali.
Il contratto deve essere stipulato in forma scritta, con un periodo di prova della durata prevista per il livello di inquadramento attribuito.
Durante i primi 24 mesi, l’inquadramento sarà così determinato:

  • prima metà del periodo: 2 livelli inferiore rispetto al livello di inquadramento finale spettante per le mansioni per il cui svolgimento e formazione è stato stipulato il contratto;
  • seconda metà del periodo: 1 livello inferiore rispetto al livello di inquadramento finale spettante per le mansioni per il cui svolgimento e formazione è stato stipulato il contratto.

 

In caso di contratto a tempo indeterminato, la stipula di un secondo contratto è consentita solo nel caso in cui il primo sia stato stabilizzato con il superamento del periodo di prova.
In caso di contratto a termine, le aziende fino a 5 dipendenti potranno stipulare 2 contratti e le aziende con più di 5 dipendenti potranno stipulare 3 contratti.
La formazione indicata nel piano formativo e nel contratto di assunzione dovrà essere svolta in azienda durante l’orario di lavoro per tutta la durata dei 24 mesi.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Rapporto annuale INAPP: analisi e riflessioni sulla formazione in Italia

Il Rapporto annuale INAPP “Lavoro e formazione: l’Italia di fronte alle sfide del futuro” rappresenta un prezioso strumento di riflessione per chi, come noi, si occupa di queste tematiche. Nel novero dei dati emersi, tutti molto interessanti, penso sia utile soffermarsi su quelli relativi alla

Contattaci