Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Firmato l’accordo integrativo del CCNL Metalmeccanici Artigianato

In data 20 maggio 2021 è stato siglato – tra CONFLAVORO PMI con FESICA CONFSAL – l’Accordo che ridefinisce alcuni istituti contrattuali del CCNL per gli addetti al settore metalmeccanico artigiano, con decorrenza 01 giugno 2021.

Di seguito, le novità più rilevanti.

I nuovi importi della paga base conglobata nel settore Metalmeccanica e installazione di impianti sono i seguenti:

 

Livelli Importi mensili
1 1.748,00
2 1.626,00
3 1.536,00
4 1.477,00
5 1.392,00
6 1.341,00
7 1.278,00

 

La retribuzione di primo ingresso può essere corrisposta – per i primi 2 anni – con una riduzione del 7,5% per il primo anno e del 5% per il secondo anno, rispetto al livello ordinario di inquadramento.

L’azienda può concedere permessi al lavoratore in uscita per favorire la sua formazione e la realizzazione di colloqui di lavoro ed entro 5 giorni dal recesso trasmette all’Ente bilaterale i dati del lavoratore necessari per la ricerca di nuova occupazione.

Al fine di favorire il reinserimento lavorativo, viene introdotto l’istituto del contratto di reinserimento a tempo indeterminato o determinato, applicabile ai lavoratori di prima assunzione o che non abbiano precedentemente avuto un rapporto di lavoro con il medesimo datore di lavoro negli ultimi 12 mesi, a condizione che non abbiano già svolto le stesse mansioni, che abbiano più di 35 anni di età, e che si trovino in condizione di disoccupazione o sospensione, alla ricerca di nuova occupazione, o che abbiano cessato un’attività autonoma.
Ai suddetti lavoratori si applicano tutte le previsioni economiche e normative del contratto nazionale e di eventuali accordi aziendali.
Il contratto deve essere stipulato in forma scritta, con un periodo di prova della durata prevista per il livello di inquadramento attribuito.
Durante i primi 24 mesi, l’inquadramento sarà così determinato:

  • prima metà del periodo: 2 livelli inferiore rispetto al livello di inquadramento finale spettante per le mansioni per il cui svolgimento e formazione è stato stipulato il contratto;
  • seconda metà del periodo: 1 livello inferiore rispetto al livello di inquadramento finale spettante per le mansioni per il cui svolgimento e formazione è stato stipulato il contratto.

 

In caso di contratto a tempo indeterminato, la stipula di un secondo contratto è consentita solo nel caso in cui il primo sia stato stabilizzato con il superamento del periodo di prova.
In caso di contratto a termine, le aziende fino a 5 dipendenti potranno stipulare 2 contratti e le aziende con più di 5 dipendenti potranno stipulare 3 contratti.
La formazione indicata nel piano formativo e nel contratto di assunzione dovrà essere svolta in azienda durante l’orario di lavoro per tutta la durata dei 24 mesi.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Presentati i bandi di FARE IMPRESA LAZIO

In data 29 luglio 2022 è stata presentata, presso la Camera di Commercio di Roma, l’iniziativa “Fare Impresa Lazio”, un insieme di misure messe in campo e in programmazione per sostenere la ripartenza delle Pmi del territorio. In totale, 205 milioni a sostegno della competitività

Al via i nuovi obblighi informativi sul contratto di lavoro

Nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2022, n. 176 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 27 giugno 2022, n. 104, recante “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione

Contattaci