Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Fruizione dei benefici normativi e contributivi e rispetto del CCNL

Tutte le disposizioni (nazionali e regionali) che prevedono degli incentivi (di natura economica, ovvero di riduzione del carico contributivo) a favore di aziende che assumono lavoratori subordinati, prevedono il rispetto stringente di alcune previsioni normative, quali:

  • la regolarità prevista dall’art. 1, commi 1175, legge 296/2006, inerente:

  • all’adempimento degli obblighi contributivi (DURC);
  • all’osservanza delle norme poste a tutela delle condizioni di lavoro (SICUREZZA SUL LAVORO);
  • al rispetto, fermi restando gli altri obblighi di legge, degli accordi e contratti collettivi nazionali nonché di quelli regionali, territoriali o aziendali, laddove sottoscritti, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale;

  • l’applicazione dei principi generali in materia di incentivi all’occupazione stabiliti, dall’art. 31, decreto legislativo n. 150/2015.

Il punto 3) riguarda il rispetto dei contenuti dei CCNL (di ogni livello) applicati in azienda.
Al riguardo, in data 06 maggio 2019, l’Ispettorato Nazionale del Lavoro – con Circolare n. 7/2019 – ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alla corretta applicazione, in sede di vigilanza, della disposizione ex art. 1, comma 1175, legge n. 296/2006, relativa alle condizioni che subordinano il godimento dei benefici normativi e contributivi da parte dei datori di lavoro.

Nello specifico, l’INL ha chiarito che il rinvio (nella lettera di assunzione) dell’applicazione dei “CCNL sottoscritti dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale” non è sufficiente per garantire il rispetto della predetta disposizione e l’ottenimento dei benefici contributivi; di fatto, ai fini del rispetto della norma richiamata (art. 1, comma 1175, legge n. 296/2006) è necessario che, a prescindere dal CCNL applicato o dalla formale indicazione dello stesso nella lettera di assunzione, il datore di lavoro garantisca un trattamento economico normativo equivalente o superiore previsto dai suddetti contratti collettivi.

La valutazione di equivalenza, peraltro, non potrà tenere conto dei trattamenti previsti in favore del lavoratore che siano sottoposti, in tutto o in parte, ai regimi di esenzione contributiva (es. welfare aziendale).

Scopri di più sul sito dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro sull’art. 1, comma 1175, L. n. 296/2006 e i benefici normativi e contributivi.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Rapporto annuale INAPP: analisi e riflessioni sulla formazione in Italia

Il Rapporto annuale INAPP “Lavoro e formazione: l’Italia di fronte alle sfide del futuro” rappresenta un prezioso strumento di riflessione per chi, come noi, si occupa di queste tematiche. Nel novero dei dati emersi, tutti molto interessanti, penso sia utile soffermarsi su quelli relativi alla

Contattaci