Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Gli obblighi contributivi in caso di risoluzione a seguito di accordo collettivo e revoca del licenziamento

L’INPS – con Messaggio del 05 febbraio 2021, n. 528 – ha fornito alcuni chiarimenti in merito agli adempimenti contributivi:

  1. conseguenti all’interruzione del rapporto di lavoro a seguito di accordo collettivo aziendale,
  2. nell’ipotesi di revoca del licenziamento.

 

Con riferimento al punto 1), viene ricordato che l’interruzione del rapporto di lavoro interviene a seguito di una risoluzione consensuale, nell’ambito di un più generale accordo collettivo aziendale (stipulato con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale e che prevedi un incentivo all’esodo); l’effetto risolutivo del rapporto di lavoro si produce soltanto per i lavoratori che aderiscono all’accordo. Tenuto conto che a seguito della cessazione del rapporto di lavoro è comunque riconosciuta l’indennità di disoccupazione NaspI, il datore di lavoro è tenuto al versamento del c.d. ticket di licenziamento (in quanto i datori di lavoro sono tenuti all’assolvimento della contribuzione in tutti i casi in cui la cessazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato generi in capo al lavoratore il teorico diritto all’indennità NaspI, a prescindere dall’effettiva fruizione della stessa).

Relativamente al punto 2), l’INPS precisa che il datore di lavoro – che, indipendentemente dal numero dei dipendenti, nell’anno 2020, abbia proceduto al recesso dal contratto di lavoro per giustificato motivo oggettivo – può revocare in ogni tempo il recesso, purché contestualmente faccia richiesta del trattamento di cassa integrazione salariale a partire dalla data in cui ha efficacia il licenziamento: in tal caso, dovrà versare al Fondo di Tesoreria le quote di TFR maturate dal lavoratore a decorrere dalla data del licenziamento revocato e durante il periodo di integrazione salariale.
Ovviamente, a seguito della revoca, viene meno l’obbligo del datore di lavoro di versare il c.d. ticket di licenziamento (pertanto, i datori di lavoro che hanno assolto l’obbligo di versamento, in conseguenza dell’intervenuta cessazione del rapporto di lavoro a tempo indeterminato, avranno diritto al recupero dell’importo versato avvalendosi della procedura delle regolarizzazioni UniEmens/vig).

Clicca qui per leggere il testo completo del Messaggio n. 528.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Rapporto annuale INAPP: analisi e riflessioni sulla formazione in Italia

Il Rapporto annuale INAPP “Lavoro e formazione: l’Italia di fronte alle sfide del futuro” rappresenta un prezioso strumento di riflessione per chi, come noi, si occupa di queste tematiche. Nel novero dei dati emersi, tutti molto interessanti, penso sia utile soffermarsi su quelli relativi alla

Contattaci