Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

I chiarimenti dell’AE sulle novità in materia di superbonus e altri bonus edilizi

L’Agenzia delle Entrate con Circolare del 27 maggio 2022, n. 19 – ha fornito alcuni chiarimenti in merito alle novità in materia di superbonus e altri bonus edilizi (introdotte dalla legge n. 234/2021 ed esplicitate da una serie di decreti governativi).
Al riguardo, l’AE è intervenuta su una serie di tematiche, quali:

  • la disciplina in tema di prezzari, specificandone le modalità di utilizzo e le date di applicabilità;
  • l’estensione della detraibilità delle spese per visto di conformità e asseverazione, per cui è possibile portare in detrazione le spese sostenute a partire dal 12 novembre 2021, anche con riguardo ai bonus diversi dal Superbonus;
  • l’esonero, per le spese sostenute a partire dal 12 novembre 2021, dell’obbligo di presentazione del visto di conformità e dell’asseverazione per interventi di edilizia libera o fino a € 10.000, diversi dal superbonus, anche specificando le modalità di calcolo di tale importo;
  • l’estensione dell’opzione per la cessione/sconto in relazione agli interventi di recupero edilizio per l’acquisto o realizzazione di box e posti auto;
  • la disciplina relativa alla cessione dei crediti, effettuando un riepilogo di tutte le nuove disposizioni normative che hanno di recente interessato tale ambito. 
  • le misure sanzionatorie e le polizze di assicurazione per la responsabilità civile per i tecnici asseveratori;
  • l’indicazione dei contratti collettivi nell’atto di affidamento dei lavori e nelle relative fatture.

Relativamente a tale ultimo punto, l’AE ha precisato che per ottenere il corretto godimento delle seguenti detrazioni fiscali:

  • “Incentivi per l’efficienza energetica, sisma bonus, fotovoltaico e colonnine di ricarica di veicoli elettrici”
  • “Detrazione per gli interventi finalizzati al superamento e l’eliminazione di barriere architettoniche”
  • “Credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro”
  • “Interventi di ristrutturazione edilizia e per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici”
  • “Sistemazione a verde” di aree private
  • “Bonus facciate” al 60%

il soggetto-datore di lavoro che esegue opere di importo superiore ad € 70.000 è tenuto ad indicare nel contratto di prestazione d’opera o di appalto e nelle relative fatture che i lavori edili sono eseguiti in applicazione dei contratti collettivi del settore edile, nazionale e territoriali, stipulati dalle associazioni datoriali e sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, ex art. 51, Dlgs. n. 81/2015.

Leggi di più sul sito dell’AE

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Rapporto annuale INAPP: analisi e riflessioni sulla formazione in Italia

Il Rapporto annuale INAPP “Lavoro e formazione: l’Italia di fronte alle sfide del futuro” rappresenta un prezioso strumento di riflessione per chi, come noi, si occupa di queste tematiche. Nel novero dei dati emersi, tutti molto interessanti, penso sia utile soffermarsi su quelli relativi alla

Contattaci