Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

I chiarimenti dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro sulla diffida accertativa e sulle procedure di conciliazione

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro – con Nota del 30 maggio 2019, n. 5066 – ha fornito alcuni chiarimenti in merito a possibili interferenze tra il procedimento di emanazione e convalida della diffida accertativa per crediti patrimoniali e le procedure di conciliazione svolte presso:

  • l’ITL,
  • la sede sindacale,
  • altri contesti tipici per la risoluzione arbitrale.


Al riguardo, viene ricordato che l’art. 12, Dlgs. n. 124/2004 stabilisce, espressamente, che il tentativo di conciliazione deve essere promosso dal datore di lavoro presso le sedi territoriali dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro.

L’INL ha, dunque, precisato che “non è possibile dare rilievo ad accordi conciliativi intervenuti in forme diverse da quelle prescritte dall’art. 12, Dlgs. n. 124/2004 sia nel caso in cui intervengano prima della validazione della diffida accertativa sia in fase successiva.

Ne consegue che, una volta adottata e validata la diffida accertativa, eventuali motivi di doglianza da parte del datore di lavoro in ordine a conciliazioni intervenute presso altre sedi potranno essere fatte valere giudizialmente esclusivamente nella fase dell’opposizione all’esecuzione”.

Scopri di più sui chiarimenti dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro sulla diffida accertativa e sulle procedure di conciliazione.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Rapporto annuale INAPP: analisi e riflessioni sulla formazione in Italia

Il Rapporto annuale INAPP “Lavoro e formazione: l’Italia di fronte alle sfide del futuro” rappresenta un prezioso strumento di riflessione per chi, come noi, si occupa di queste tematiche. Nel novero dei dati emersi, tutti molto interessanti, penso sia utile soffermarsi su quelli relativi alla

Contattaci