Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

I primi chiarimenti sul taglio del cuneo fiscale in vigore da luglio 2020

L’INPScon Circolare del 21 agosto 2020, n. 96 – ha fornito le indicazioni in merito all’attuazione delle nuove misure di riduzione della pressione fiscale, a decorrere dal 01 luglio 2020, a beneficio dei titolari di redditi da lavoro dipendente e di taluni redditi ad essi assimilati, tra i quali sono incluse numerose prestazioni erogate direttamente dall’INPS in qualità di sostituto di imposta.

Gli interventi in commento sono i seguenti:

  • trattamento integrativo del reddito pari ad € 100 mensili, per un importo rispettivamente di € 600 con riferimento al secondo semestre del 2020, e di € 1.200 annui dal 2021 per redditi di importo complessivamente non superiore ad € 28.000 annui;
  • un’ulteriore detrazione dall’imposta lorda di carattere temporaneo, dal 01 luglio 2020 al 31 dicembre 2020, pari ad € 600 in corrispondenza di un reddito complessivo annuo superiore ad € 28.000 che decresce linearmente fino ad azzerarsi al raggiungimento di un livello di reddito complessivo pari ad € 40.000 annui.

I beneficiari del trattamento integrativo e dell’ulteriore detrazione sono i soggetti che percepiscono le seguenti tipologie di reddito:

  • redditi di lavoro dipendente, ex art. 49, comma 1 e comma 2, lett. b), del TUIR;
  • redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente, ex art. 50, comma 1, del TUIR appartenenti alle seguenti categorie:
  • A. compensi percepiti dai lavoratori soci delle cooperative (lett. a);
    B. indennità e compensi percepiti a carico di terzi dai lavoratori dipendenti per incarichi svolti in relazione a tale qualità (lett. b);
    C. somme da chiunque corrisposte a titolo di borsa di studio o di assegno, premio o sussidio per fini di studio o addestramento professionale (lett. c);
    D. redditi derivanti da rapporti di collaborazione coordinata e continuativa (lett. c-bis);
    E. remunerazioni dei sacerdoti (lett. d);
    F. prestazioni pensionistiche di cui al D.lgs 21 aprile 1993, n. 124, comunque erogate (lett. h-bis);
    G. compensi per lavori socialmente utili in conformità a specifiche disposizioni normative (lett. l).

Sono esclusi dai benefici fiscali in commento i titolari dei redditi da pensione, ex art. 49, comma 2, lett. a), del TUIR, ed i titolari di redditi assimilati a lavoro dipendente diversi da quelli elencati.

Sono altresì esclusi i titolari di redditi professionali e, in ogni caso, i redditi prodotti da titolari di partita IVA in forma autonoma o di impresa.

Clicca qui e visita il sito INPS per saperne di più

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Presentati i bandi di FARE IMPRESA LAZIO

In data 29 luglio 2022 è stata presentata, presso la Camera di Commercio di Roma, l’iniziativa “Fare Impresa Lazio”, un insieme di misure messe in campo e in programmazione per sostenere la ripartenza delle Pmi del territorio. In totale, 205 milioni a sostegno della competitività

Al via i nuovi obblighi informativi sul contratto di lavoro

Nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2022, n. 176 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 27 giugno 2022, n. 104, recante “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione

Contattaci