Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Le precisazioni dell’Agenzia delle Entrate sulla natura fiscale dell’indennità di tirocinio di inclusione sociale

L’Agenzia delle Entrate – con risposta ad Interpello del 12 febbraio 2020, n. 51 – è intervenuta sul corretto trattamento fiscale applicabile all’indennità prevista per la partecipazione ai TIS (tirocini di orientamento, formazione e inserimento/reinserimento finalizzati all’inclusione sociale, all’autonomia delle persone e alla riabilitazione), ricordando che l’art. 34, DPR n. 601/1973 stabilisce che i sussidi corrisposti dallo Stato, e da altri enti pubblici a titolo assistenziale sono esenti dall’imposta sul reddito delle persone fisiche e dall’imposta locale sui redditi nei confronti dei percipienti.

L’esenzione tributaria dei suddetti “sussidi corrisposti dallo Stato, e da altri enti pubblici a titolo assistenziale”, soggiace, però alla contestuale sussistenza dei seguenti requisiti:

  • di natura soggettiva – l’erogazione deve essere effettuata solo dallo Stato o da altri enti pubblici;
  • di natura oggettiva – il sussidio erogato deve avere carattere assistenziale.


Secondo l’Agenzia delle Entrate, l’indennità prevista per la partecipazione ai TIS non integra entrambi i requisiti, pertanto può beneficiare del regime di esenzione dall’imposta sul reddito delle persone fisiche stabilita per i sussidi corrisposti dallo Stato e da altri enti pubblici a titolo assistenziale: bensì, deve essere assoggettato a tassazione quale reddito assimilato a quello di lavoro dipendente.

Scopri di più sulla Risposta n.51.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Contattaci