Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Modalità e scadenza delle domande di richiesta contributo asilo nido per il 2021

L’INPS – con Messaggio del 24 febbraio 2021, n. 802 – ha comunicato l’avvenuto rilascio della procedura di inserimento delle domande di agevolazioni a sostegno del reddito delle famiglie tramite:

  1. il contributo per il pagamento di rette relative alla frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati;
  2. il contributo per l’utilizzo di forme di supporto presso la propria abitazione in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

 

In merito al punto a), la domanda di contributo per il pagamento delle rette del nido deve essere presentata dal genitore che sostiene l’onere e deve indicare le mensilità relative ai periodi di frequenza scolastica. Il contributo viene erogato dietro presentazione della documentazione attestante l’avvenuto pagamento delle singole rette (sono esclusi dal contributo servizi integrativi come ad esempio ludoteche, spazi gioco, pre-scuola, etc.) e non potrà eccedere la spesa sostenuta.
Le ricevute corrispondenti ai pagamenti delle rette non presentate all’atto della domanda devono essere allegate entro la fine del mese di riferimento e, comunque, non oltre il 01 aprile 2022.

Relativamente al punto b), la domanda di contributo per l’introduzione di forme di supporto domiciliare deve essere presentata dal genitore convivente con il figlio per il quale è richiesta la prestazione e deve essere accompagnata da un’attestazione, rilasciata dal pediatra di libera scelta, che dichiari per l’intero anno l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica.

L’importo del contributo erogato in base all’ISEE è pari a:

  • € 3.000, nell’ipotesi di ISEE minorenni in corso di validità fino ad € 25.000;
  • € 2.500, con ISEE minorenni da € 25.001 fino ad € 40.000;
  • € 1.500, nell’ipotesi di ISEE minorenni oltre la predetta soglia di € 40.000, ovvero in assenza di ISEE o qualora presenti omissioni e/o difformità dei dati del patrimonio mobiliare e/o dei dati reddituali autodichiarati.

 

La domanda deve essere presentata esclusivamente in via telematica attraverso uno dei seguenti canali:

  • portale web;
  • patronati, utilizzando i servizi offerti gratuitamente dagli stessi.

 

Clicca e leggi il testo completo del Messaggio n°802 del 24/02/2021

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Presentati i bandi di FARE IMPRESA LAZIO

In data 29 luglio 2022 è stata presentata, presso la Camera di Commercio di Roma, l’iniziativa “Fare Impresa Lazio”, un insieme di misure messe in campo e in programmazione per sostenere la ripartenza delle Pmi del territorio. In totale, 205 milioni a sostegno della competitività

Al via i nuovi obblighi informativi sul contratto di lavoro

Nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2022, n. 176 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 27 giugno 2022, n. 104, recante “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione

Contattaci