Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Modifiche al decreto ANPAL istitutivo dell’incentivo occupazionale IO LAVORO

L’ANPAL, con una serie di provvedimenti che si sono succeduti negli ultimi giorni, ha istituito per l’anno 2020 il nuovo incentivo occupazionale “IO LAVORO”.

Nel dettaglio, sono stati pubblicati:

  • Decreto Direttoriale del 06 febbraio 2020, n. 44;
  • Decreto Direttoriale dell’11 febbraio 2020, n. 52 (che ha novellato il n. 44/2020, cancellando alcuni evidenti refusi);
  • Clicca sul sito ANPAL per saperne di più

  • Decreto Direttoriale del 21 febbraio 2020, n. 66 (che ha integrato il decreto n. 52/2020, prevedendone la cumulabilità con l’incentivo normato dalla legge n. 205/2017);
  • Clicca sul sito ANPAL per saperne di più

    L’incentivo è riconosciuto ai datori di lavoro privati che assumano (nel 2020, a tempo indeterminato) persone disoccupate ex art. 19, Dlgs. n. 150/2015 ed art. 4, comma 15-quater, decreto Legge n. 4 del 28 gennaio 2019, in possesso delle seguenti caratteristiche:

    a) lavoratori di età compresa tra i 16 anni e 24 anni;
    b) lavoratori con 25 anni di età e oltre, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi, ai sensi del Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 17 ottobre 2017.

    L’incentivo spetta laddove la sede di lavoro, per la quale viene effettuata l’assunzione, sia ubicata:

  • nelle Regioni “meno sviluppate” (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia);
  • nelle Regioni “più sviluppate” (Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Provincia Autonoma di Trento e di Bolzano, Toscana, Umbria, Marche e Lazio);
  • nelle Regioni “in transizione” (Abruzzo, Molise e Sardegna),
    indipendentemente dalla residenza del lavoratore e nei limiti delle risorse stanziate.

    L’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione di premi e contributi dovuti all’INAIL, per un periodo di 12 mesi a partire dalla data di assunzione, nel limite massimo di € 8.060 su base annua, per lavoratore assunto, riparametrato e applicato su base mensile.

    L’incentivo è riconosciuto esclusivamente per le seguenti tipologie contrattuali:
    a) contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione;
    b) contratto di apprendistato professionalizzante.

    Inoltre, l’incentivo è riconosciuto anche in caso:

  • di lavoro a tempo parziale;
  • di trasformazione a tempo indeterminato di un rapporto a tempo determinato;
  • rapporto di lavoro subordinato tra il socio lavoratore di cooperativa e la cooperativa stessa.
  • L’incentivo è, infine, la cumulabile con:

  • l’esonero volto all’assunzione stabile di giovani fino a trentacinque anni di età, ex art. 1, comma 100 e seguenti, legge n. 205/2017 (come modificato dall’art. 1, comma 10, legge n. 160/2019), nel limite massimo di un importo pari ad € 8.060 su base annua;
  • l’incentivo ex art. 8, decreto legge n. 4/2019, convertito con modificazione dalla legge n. 26/2019;
  • nei limiti massimi di intensità di aiuto previsti dai regolamenti europei in materia di aiuti di stato, con altri incentivi di natura economica introdotti e attuati dalle Regioni elencate, in favore dei datori di lavoro che abbiano sede nel territorio di tali Regioni.
  • Condividi:

    Ti potrebbero interessare:

    Presentati i bandi di FARE IMPRESA LAZIO

    In data 29 luglio 2022 è stata presentata, presso la Camera di Commercio di Roma, l’iniziativa “Fare Impresa Lazio”, un insieme di misure messe in campo e in programmazione per sostenere la ripartenza delle Pmi del territorio. In totale, 205 milioni a sostegno della competitività

    Al via i nuovi obblighi informativi sul contratto di lavoro

    Nella Gazzetta Ufficiale del 29 luglio 2022, n. 176 è stato pubblicato il Decreto Legislativo 27 giugno 2022, n. 104, recante “Attuazione della direttiva (UE) 2019/1152 del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 giugno 2019, relativa a condizioni di lavoro trasparenti e prevedibili nell’Unione

    Contattaci