Politiche attive del lavoro

COSA SONO LE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO:

Le Politiche Attive Del Lavoro sono l’insieme dei programmi e degli interventi di carattere pubblico finalizzati a regolamentare il mercato del lavoro, promuovere l’occupabilità e l’inserimento lavorativo.

A CHI SONO RIVOLTE:

  • Persone disoccupate;
  • Lavoratori svantaggiati ai sensi del regolamento UE 800/2009 (giovani disoccupati da più di sei mesi, disoccupati adulti da più di 12 mesi, donne in reinserimento lavorativo, immigrati, lavoratori in mobilità, disoccupati over 50);
  • Lavoratori che beneficiano di strumenti di sostegno al reddito in costanza di rapporto di lavoro e a rischio di disoccupazione (art. 18 del decreto legislativo n. 150/2015);
  • Lavoratori che sono sospesi dal lavoro;
  • Lavoratori in mobilità: in deroga, ordinaria ex L.223/91 L. 236/93;

SERVIZI:

L’art 18 del D.lgs. 150/2015 individua come misure e servizi di politica attiva del lavoro le seguenti attività:

  • Orientamento di base e specialistico;
  • Percorso di supporto all’autoimpiego e tutoraggio per le fasi successive all’avvio dell’impresa;
  • Formazione ai fini della qualificazione e riqualificazione professionale;
  • Accompagnamento al lavoro;
  • Promozione di esperienze di tirocinio;

COME FUNZIONA:

  1. Dichiarazione di immediata disponibilità lavorativa (DID)

2. Appuntamento presso il centro per l’impiego

3. Profilazione

 

4. Scelta dell’ente