Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Pubblicato l’Avviso per il finanziamento delle reti d’impresa nella regione Lazio

La Regione Lazio – con Determinazione del 23 marzo 2022, n. G03455 – ha pubblicato l’Avviso pubblico per il finanziamento dei programmi relativi alle Reti di Imprese tra Attività Economiche.

Le finalità della Rete sono:

  • Perseguire l’obiettivo di potenziare la competitività e la produttività delle attività economiche su strada che vi rientrano, rendendole contestualmente volano per uno sviluppo territoriale sostenibile ed elemento di coesione e riconoscimento per la Comunità stessa e per i visitatori e utenti esterni, anche attraverso attività di rigenerazione e valorizzazione dei contesti urbani in cui sono insediate.
  • In particolare, tra le peculiarità e le potenzialità che una Rete può presentare, sono individuabili, quali fattori strategici per la sua attrattività e vivibilità:
  • formule commerciali integrate di attività tra imprese su strada di settori diversi (es.: artigianato, ricettività, servizi, cultura, intrattenimento);
  • la connessione con punti di rilevanza del territorio (es.: riferimenti culturali o turistici, stazioni e altri snodi del sistema di trasporto pubblico);
  • la buona accessibilità e sviluppo di mobilità sostenibile (es.: parcheggi per cicli e motocicli, infrastrutture per la mobilità dolce, isole pedonali, abbattimento e superamento delle barriere architettoniche);
  • la qualità urbana (es.: arredo urbano, aree verdi, segnaletica, pulizia, sicurezza);
  • l’offerta di servizi (es.: animazione/eventi, attività culturali e di intrattenimento, presenza di bar e ristoranti, quantità e qualità del servizio commerciale, anche dal punto di vista della fruibilità degli stessi da parte delle persone con disabilità);
  • promuovere idee, opere ed iniziative, capaci di destare interesse presso una popolazione più vasta possibile, al fine di trasformare la “Rete” in un polo di attrazione ed animazione permanente su un territorio sempre più ampio;
  • dotarsi di autonomia, funzionale ed operativa, anche una volta completato lo start-up regionale, strutturandosi e radicandosi sul territorio.

Il soggetto promotore è un ente collettivo costituito nelle forme giuridiche indicate dal presente avviso e composto dall’insieme delle attività economiche su strada che intendono aderire alla Rete e dotato di un modello organizzativo interno che ne favorisce la sostenibilità nel tempo (forma societaria; forma consortile o società consortile; contratto di Rete).
Dovrà occuparsi di predisporre il programma di Rete, approvato formalmente dal soggetto beneficiario, con cui si stabiliscono i contenuti, le caratteristiche e finalità della Rete specificando gli aspetti gestionali – operativi, i ruoli e le responsabilità, nonché l’insieme degli interventi e azioni coerenti con le finalità che si intendono perseguire.

Sono ammissibili al finanziamento regionale le seguenti spese:

  • acquisizione di nuove attrezzature per arredo urbano e illuminazione pubblica, quali ad es.: panchine, ringhiere, fioriere, cartellonistica, totem, insegne, illuminazione quali lampioni, cestini/raccoglitori per rifiuti, distributori sacchetti e guanti per raccolta deiezioni canine, rastrelliere per biciclette, opere d’arte, installazioni, sculture, dipinti, mosaici, decorazioni, street art, murales con le caratteristiche stabilite dall’avviso;
  • acquisizione pannelli informativi e segnaletica di coordinamento;
  • interventi di riqualificazione urbana strettamente funzionali al posizionamento strategico della rete quali ad es. sistemazione marciapiedi e zone antistanti l’ingresso su strada delle attività economiche aderenti alla rete;
  • acquisto di prodotti digitali per lo sviluppo di strategie di marketing, fatta eccezione per quelli riferiti a servizi digitali già offerti dalla Regione;
  • acquisto di attrezzature, impianti e strutture di videosorveglianza;
  • acquisto di mezzi per la mobilità, funzionali all’intervento di valorizzazione della Rete; nel caso di mezzi motorizzati, esclusivamente a metano, elettrici o ibridi; installazione colonne di ricarica elettrica;
  • costi per l’organizzazione di iniziative di campagne di promozione anche mediante la pubblicazione di brochure e materiale editoriale fino a un massimo del 3% dell’ammontare del finanziamento;
  • costi per l’organizzazione di eventi e manifestazioni, così come previste all’articolo 6, comma 3, lettera C) quali ad es.; organizzazione di attività sportive, visite, percorsi, escursioni, guide turistiche, iniziative culturali, artistiche, educative, divulgative, folcloristiche, sagre e cerimonie;
  • le spese accessorie relative agli eventi e manifestazioni di cui sopra, debitamente motivate e documentate, fino al massimo del 6% del finanziamento ammesso (rimborsabili fino al massimo del 3% per le spese gastronomiche e fino al massimo del 3% per pernottamenti presso strutture ricettive classificate entro le 4 stelle e/o le spese per trasporti);
  • costi funzionali alla gestione della Rete fino ad un massimo del 20% del finanziamento ammesso (tra cui i costi di costituzione, le spese per la contabilità e gli eventuali costi per il manager di Rete e/o per i Centri;
  • i costi indiretti forfettari, non soggetti a rendicontazione ai sensi del regolamento (UE) 2021/1060 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 24 giugno 2021, nella misura del 7%, dei costi diretti ammissibili (tra cui le spese di segreteria/cancelleria, spese correnti per il funzionamento della rete).

Sono beneficiari dei contributi i Comuni del Lazio e i Municipi di Roma Capitale, i quali provvedono alla gestione ed utilizzo del finanziamento regionale anche al fine di un più ampio riconoscimento, secondo il principio di sussidiarietà verticale e orizzontale di cui all’articolo 118 Cost., di autonomia nella gestione del contributo, di implementazione della funzione amministrativa e di assunzione diretta di responsabilità nel controllo del programma.

Il finanziamento massimo erogabile per ciascun programma di Rete, a favore del soggetto beneficiario, è pari a complessivi € 100.000.
L’erogazione a favore del soggetto beneficiario avviene in base alle seguenti modalità:

  • primo acconto pari al 30% del finanziamento regionale concesso a seguito della pubblicazione sul BURL dell’atto di ammissione al finanziamento;
  • secondo acconto pari al 60% del finanziamento regionale concesso a seguito di effettiva rendicontazione intermedia delle spese sostenute, pari al 70% dell’acconto di cui alla lettera a), e di trasmissione di copia dell’atto costitutivo del soggetto promotore; detta rendicontazione intermedia, debitamente approvata dal soggetto beneficiario, dovrà essere dallo stesso trasmessa tramite pec all’Amministrazione regionale entro e non oltre 180 giorni a decorrere dall’effettivo incasso del primo acconto di cui alla lettera a) da parte del soggetto beneficiario;
  • la restante quota a saldo, pari al 10% del finanziamento regionale concesso a seguito di presentazione della rendicontazione finale delle spese complessive del programma ammesso a contributo, fatta eccezione per i costi indiretti forfettari non soggetti a rendicontazione.

La domanda di finanziamento di un programma di Rete deve essere compilata, sottoscritta e presentata dal soggetto beneficiario, secondo il modulo Allegato B e inviata, dalle ore 9 del 28 marzo 2022 ed entro le ore 24 del 30 giugno 2022, esclusivamente tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo avvisopubblicoreti2022@regione.lazio.legalmail.it.

Clicca e leggi l’avviso.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Rapporto annuale INAPP: analisi e riflessioni sulla formazione in Italia

Il Rapporto annuale INAPP “Lavoro e formazione: l’Italia di fronte alle sfide del futuro” rappresenta un prezioso strumento di riflessione per chi, come noi, si occupa di queste tematiche. Nel novero dei dati emersi, tutti molto interessanti, penso sia utile soffermarsi su quelli relativi alla

Contattaci