Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Richiesta CIGO in caso di sospensione dell’attività lavorativa a causa delle alte temperature

L’INAIL – con Comunicato del 26 luglio 2022 – ha ricordato che le imprese possono chiedere all’INPS il riconoscimento della cassa integrazione guadagni ordinaria (CIGO) quando il termometro supera i 35° centigradi.
Ai fini dell’integrazione salariale, però, possono essere considerate idonee anche le temperature “percepite”.
Al riguardo, viene precisato che la cd. causale “eventi meteo” è invocabile dall’azienda anche in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa a causa delle temperature elevate.
Ai fini del riconoscimento dell’integrazione salariale, sono considerate “elevate” le temperature superiori ai 35° centigradi (ovvero, quelle “percepite”).
Ne sono esempio i lavori di stesura del manto stradale, i lavori di rifacimento di facciate e tetti di costruzioni, le lavorazioni all’aperto che richiedono indumenti di protezione, ma anche tutte le fasi lavorative che, in generale, avvengono in luoghi non proteggibili dal sole o che comportino l’utilizzo di materiali o lo svolgimento di lavorazioni che non sopportano il forte calore.
Inoltre, l’azienda, nella domanda di CIGO e nella relazione tecnica che deve essere allegata alla domanda stessa, deve solo indicare le giornate di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa e specificare il tipo di lavorazione in atto nelle giornate medesime, mentre non è tenuta a produrre dichiarazioni – di Arpal o di qualsiasi altro organismo certificato – che attestino l’entità della temperatura, né a produrre i bollettini meteo.
L’INPS provvede autonomamente ad acquisire d’ufficio i bollettini meteo e a valutarne le risultanze anche in relazione alla tipologia di attività lavorativa in atto.
Indipendentemente dalle temperature rilevate nei bollettini, l’INPS riconosce la cassa integrazione ordinaria in tutti i casi in cui il responsabile della sicurezza dell’azienda dispone la sospensione delle lavorazioni in quanto ritiene sussistano rischi o pericoli per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi i casi in cui le sospensioni siano dovute a temperature eccessive.

L’INAIL, infine, ha reso noto d’aver pubblicato un Vademecum dedicato a lavoratori, datori di lavoro e figure aziendali della salute e sicurezza, per prevenire le patologie da stress termico.

Clicca e leggi il testo completo della Comunicazione.

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Contattaci