Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Siglato il Protocollo d’Intesa per le politiche attive del lavoro nella Regione Lazio

In data 04 marzo 2021 è stato siglato – tra Regione Lazio e Cgil Lazio, Cisl Lazio, Uil Lazio, Ugl Lazio, Unindustria, Unione degli industriali e delle Imprese del Lazio, FEDERLAZIO, LEGACOOP, CONFCOOPERATIVE Lazio, AGCI, CONFCOMMERCIO, CONFESERCENTI, CONFARTIGIANATO, CASARTIGIANI, CNA, COLDIRETTI, CONFPROFESSIONI, CONFETRA, FEDERALBERGHI, CISAL, CONFAPI, CDO Roma e Lazio, con l’adesione anche da parte di ABI Lazio – il Protocollo d’Intesa per le politiche attive del lavoro nella Regione Lazio.

Il Piano – che prevede lo stanziamento di 200 milioni di euro – delinea le seguenti 21 diverse azioni per promuovere la formazione e la buona occupazione per i giovani, le donne, le persone con disabilità, i disoccupati e i percettori di ammortizzatori sociali:

  • Titoli dell’obbligo: percorsi formativi rivolti a giovani e agli adulti che devono conseguire titoli “dell’obbligo
  • Potenziamento degli ITS e IFTS
  • Valorizzazione dell’Apprendistato
  • Patto fra generazioni per il ricambio generazionale con incentivo all’assunzione
  • Torno Subito, per sostenere la formazione e l’ingresso nel mondo del lavoro di giovani e studenti
  • Garanzia Giovani per neet tra i 15 e 29 anni
  • Incentivi per il rientro dall’estero dei talenti
  • Formazione e riqualificazione professionale con erogazione di un’indennità per disoccupati o cassaintegrati a zero ore
  • Formazione e riqualificazione professionale per persone in cassa integrazione
  • Sostegno alla riconversione o riorganizzazione aziendale con misure dedicate al personale
  • Integrazione con il Fondo Nuove Competenze
  • Sostegno all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità, anche mediante lo strumento di “Impresa formativa” e con prestiti agevolati
  • Contratto di Ricollocazione Generazioni per disoccupati over 30
  • Sostegno a modelli organizzativi per la conciliazione vita/lavoro
  • Incentivi alle assunzioni per destinatari di Politiche Attive del Lavoro
  • Sostegno alla parità salariale di genere
  • Sostegno alla formazione e occupazione delle donne, con incentivi all’assunzione, all’avvio di impresa e alla formazione in discipline tecnico scientifiche
  • Sostegno all’occupazione delle persone con disabilità, anche da lavoro e con potenziamento dei servizi dedicati nei centri per l’impiego – Spazio Lavoro
  • Sostegno all’incremento delle competenze manageriali per favorire competitività, occupazione e innovazione
  • Valorizzazione dei mestieri artigianali, anche con le Botteghe Scuola
  • Sostegno ai disoccupati adulti delle aree di crisi complessa a due anni dalla maturazione della pensione

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Rapporto annuale INAPP: analisi e riflessioni sulla formazione in Italia

Il Rapporto annuale INAPP “Lavoro e formazione: l’Italia di fronte alle sfide del futuro” rappresenta un prezioso strumento di riflessione per chi, come noi, si occupa di queste tematiche. Nel novero dei dati emersi, tutti molto interessanti, penso sia utile soffermarsi su quelli relativi alla

Contattaci