Torno Subito Regione Lazio – Le nuove opportunità per l’autoimprenditorialità

In data 25 ottobre 2019, la Regione Lazio ha pubblicato due nuovi Avvisi Pubblici per garantire ulteriori opportunità ai giovani che hanno partecipato a “Torno Subito”.

Nel dettaglio:

  • con Determinazione Dirigenziale n. G14638/2019, è stato approvato l’Avviso pubblico “Bonus occupazionale per le imprese che assumono a tempo indeterminato i giovani destinatari dell’iniziativa Torno Subito”;
  • con Determinazione Dirigenziale n. G14639/2019, è stato approvato l’Avviso pubblico “IMPRESA FORMATIVA – Incentivi per la creazione d’impresa a favore dei destinatari dell’iniziativa Torno Subito”.
  • Con riferimento alla cd. IMPRESA FORMATIVA si prevede la concessione di incentivi, a fondo perduto, a sostegno della creazione di nuove imprese nella Regione Lazio costituite dai destinatari che hanno partecipato all’Iniziativa “Torno Subito” e che, al termine del percorso, non hanno ottenuto un inserimento lavorativo presso le imprese ospitanti nella seconda fase progettuale o lo hanno ottenuto ma sono attualmente disoccupati.
    Il contributo, a fondo perduto, potrà variare da un minimo di € 30.000,00 fino ad un massimo di € 100.000,00.

    L’Avviso in commento prevede 4 fasi:

  • Fase A: Percorso di accompagnamento all’accesso all’iniziativa;
  • Fase B: Accesso e selezione delle idee progettuali;
  • Fase C: Definizione del Business Plan e presentazione della domanda di contributo;
  • Fase D: Avvio di impresa e acquisizione del finanziamento.
  • Per partecipare al suddetto Avviso, i destinatari dovranno essere in possesso (al 25 ottobre 2019) dei seguenti requisiti:

  • disoccupazione, ex art. 19, Dlgs. n. 150/2015;
  • residenza nella Regione Lazio da almeno 6 mesi dalla data di pubblicazione dell’Avviso;
  • adesione alle edizioni del programma “Torno Subito” finanziate attraverso il POR LAZIO FSE 2014/2020 e, al termine del percorso, non aver ottenuto un inserimento lavorativo presso le imprese ospitanti;
  • non avere a proprio carico alcuna condanna, con sentenza passata in giudicato, per qualsiasi reato che determina l’incapacità a contrattare con la P.A.;
  • non avere procedimenti in corso ai sensi dell’art. 416/bis del codice penale;
  • se cittadino non comunitario, essere in possesso del permesso di soggiorno che consente attività lavorativa;
  • non essere già beneficiario di provvedimenti di concessione a valere su altre misure a favore dell’autoimprenditorialità né risultare titolare di una quota di una società beneficiaria di agevolazioni pubbliche.
  • Nel caso di impresa in forma associata, i requisiti sopraindicati devono essere devono soddisfatti da tutti i componenti.
    Sono ammissibili idee progettuali per nuove imprese del settore privato da avviare in forma individuale, societaria e/o cooperativistica, mentre sono esclusi gli enti no profit e le società fiduciarie.
    Le nuove imprese devono avere sede operativa nella regione Lazio con permanenza di almeno cinque anni dall’erogazione del saldo del finanziamento, pena la revoca.
    Sono finanziabili nell’ambito del presente Avviso le idee progettuali di impresa (anche in forma di franchising) in attività/settori che non sono esclusi nel campo del “de minimis” ai sensi del Regolamento (UE) 1407/2013.
    Sono escluse le attività riguardanti le lotterie, le scommesse, le case da gioco in armonia con quanto previsto dalla legge regionale n. 21/2014 e s.m.i. “Norme per la prevenzione, il contrasto e la riduzione del rischio della dipendenza da gioco d’azzardo patologico”.

    Vai sul sito della Regione Lazio per leggere l’Avviso