Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Come cambia la Certificazione unica CU del 2023

L’Agenzia delle Entrate – con Provvedimento del 17 gennaio 2023, prot. n. 14392 – ha approvato le versioni definitive dei modelli Certificazione Unica 2023 con le relative istruzioni per la compilazione.

Il modello è stato aggiornato:

  • nella parte che le nuove detrazioni per familiari a carico in vigore da marzo 2022;
  • sulle nuove modalità di attribuzione del trattamento integrativo riconosciuto in caso di reddito complessivo non superiore ad € 15.000 ma attribuibile, in presenza di determinati requisiti, anche in caso di reddito fino ad € 28.000;
  • per la gestione del bonus carburante, fiscalmente esente fino all’importo di € 200 per lavoratore, riconosciuto dai datori di lavoro privati indipendentemente dal suo ammontare. Le istruzioni sottolineano che il datore di lavoro che effettua erogazioni in natura o riconosce il buono carburante deve verificare l’esistenza di eventuali erogazioni effettuate nell’ambito di altri rapporti di lavoro;
  • nella sezione dati previdenziali trovano spazio i dati dei giornalisti professionisti, pubblicisti e praticanti, che dovranno essere indicati in questa sezione per il periodo decorrente dal 01 luglio 2022.

Da un punto di vista temporale, si segnala che entro il 16 marzo 2023:

  • il sostituto deve effettuare l’invio telematico delle certificazioni all’Agenzia delle Entrate (il termine scade al 31 ottobre 2023 per le certificazioni contenenti esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili con il modello 730);
  • il datore di lavoro dovrà rilasciare una copia del modello al percettore delle somme, nella versione sintetica.
    Sarà possibile fino al 21 marzo 2023 effettuare, senza sanzioni, opportune correzioni alle CU inviate nei termini.

L’omessa, tardiva o errata presentazione della certificazione unica è punita con una sanzione pari ad:

  • € 100 per ogni CU, con un massimo di € 50.000;
  • € 33,33 per ogni CU, con un massimo di € 20.000 euro se la CU è trasmessa corretta entro 60 giorni dal termine di presentazione.

Clicca per saperne di più

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

verifica della regolarità contributiva

On line il nuovo servizio INAIL di simulazione del DURC

L’INAIL – con Istruzioni operative del 06 giugno 2024, prot. n. 5544 – ha reso noto che, al fine di velocizzare la procedura di rilascio del DURC, è prevista la possibilità per le imprese di avviare, su base volontaria, la procedura di verifica della regolarità

Siglato l’Accordo di rinnovo del CCNL Pubblici Esercizi

In data 05 giugno 2024, è stato sottoscritto da Fipe, Legacoop produzione e servizi, Confcooperative Lavoro e Servizi, Agci Servizi (con l’assistenza di Confcommercio), Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil, l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL Pubblici Esercizi. Tale CCNL – che

Contattaci

    Sicilia

    QUANTI TIROCINI POSSONO ESSERE ATTIVATI IN UN’AZIENDA?

    • 1 tirocinante se l’azienda ha fino a 5 dipendenti;
    • 2 tirocinanti se l’azienda ha da 6 a 20 dipendenti;
    • 10% di tutti i dipendenti per un organico superiore alle 20 unità.

    CHI SONO I DESTINATARI?

    Disoccupati, inoccupati, persone svantaggiate.

    QUAL È LA DURATA DEL TIROCINIO?

    Il tirocinio non può essere inferiore ai 2 mesi (salvo eccezioni) e non superiore ai 6 mesi, escluso per persone con disabilità che può essere attivato fino a 24 mesi.

    QUALI SONO I TEMPI DI ATTIVAZIONE?

    In qualsiasi momento.

    QUANDO SI ATTIVA, INTERROMPE O PROROGA UN TIROCINIO, è NECESSARIO EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA?

    Si ed è a carico dell’azienda ospitante.

    QUAL è L’INDENNITà MENSILE?

    L’indennità mensile non può essere inferiore ai 300 euro.

    A CARICO DI CHI è L’ASSICURAZIONE INAIL E LA RC?

    A carico dell’azienda ospitante.

    Lazio

    QUANTI TIROCINI POSSONO ESSERE ATTIVATI IN UN’AZIENDA?

    • 1 tirocinante se l’azienda ha fino a 5 dipendenti;
    • 2 tirocinanti se l’azienda ha da 6 a 20 dipendenti;
    • 10% di tutti i dipendenti per un organico superiore alle 20 unità.

    CHI SONO I DESTINATARI?

    Disoccupati, inoccupati, persone svantaggiate.

    QUAL È LA DURATA DEL TIROCINIO?

    Il tirocinio non può essere inferiore ai 2 mesi (salvo eccezioni) e non superiore ai 6 mesi, escluso per persone con disabilità che può essere attivato fino a 24 mesi.

    QUALI SONO I TEMPI DI ATTIVAZIONE?

    In qualsiasi momento.

    QUANDO SI ATTIVA, INTERROMPE O PROROGA UN TIROCINIO, è NECESSARIO EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA?

    Si ed è a carico dell’azienda ospitante.

    QUAL è L’INDENNITà MENSILE?

    L’indennità mensile è di 800 euro.

    A CARICO DI CHI è L’ASSICURAZIONE INAIL E LA RC?

    A carico dell’azienda ospitante.

    Abruzzo

    QUANTI TIROCINI POSSONO ESSERE ATTIVATI IN UN’AZIENDA?

    • 1 tirocinante se l’azienda ha fino a 6 dipendenti
    • 2 tirocinanti se l’azienda ha da 7 a 19 dipendenti
    • 10% di tutti i dipendenti per un organico superiore alle 20 unità.

    CHI SONO I DESTINATARI?

    Disoccupati, inoccupati, persone svantaggiate.

    QUAL È LA DURATA DEL TIROCINIO?

    Il tirocinio non può essere inferiore ai 2 mesi (salvo eccezioni) e non superiore ai 6 mesi, escluso per persone con disabilità che può essere attivato fino a 24 mesi.

    QUALI SONO I TEMPI DI ATTIVAZIONE?

    In qualsiasi momento.

    QUANDO SI ATTIVA, INTERROMPE O PROROGA UN TIROCINIO, è NECESSARIO EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE OBBLIGATORIA?

    Si ed è a carico dell’azienda ospitante.

    QUAL è L’INDENNITà MENSILE?

    L’indennità mensile non può essere inferiore ai 600 euro.

    A CARICO DI CHI è L’ASSICURAZIONE INAIL E LA RC?

    A carico dell’azienda ospitante.