Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

Assegno di ricollocazione e svolgimento del servizio di assistenza intensiva alla ricerca di lavoro (parte 2)

Il “Servizio di assistenza alla ricollocazione” consiste in attività di “Assistenza intensiva nella ricerca attiva di lavoro”, e si compone di due prestazioni principali, da svolgere entrambe e da tracciare nel programma di ricerca intensiva, attraverso la funzionalità di MyANPAL:

  • Assistenza alla persona e tutoraggio, finalizzato ad assistere in modo continuativo il soggetto in tutte le attività necessarie alla sua ricollocazione, attraverso l’assegnazione di un tutor, la definizione e condivisione di un programma personalizzato per la ricerca attiva di lavoro;
  • Ricerca intensiva di opportunità occupazionali, finalizzata alla promozione del profilo professionale del titolare dell’AdR verso i potenziali datori di lavoro, alla selezione dei posti vacanti, all’assistenza alla preselezione, sino alle prime fasi di inserimento in azienda.
  • Il servizio di assistenza intensiva nella ricerca del lavoro prevede l’assunzione, da parte del destinatario, dell’onere di svolgere le attività individuate dal tutor (tra le quali, rientrano anche di formazione per l’inserimento lavorativo) e di accettare l’offerta congrua di lavoro.

    In caso di rifiuto da parte del destinatario dell’AdRdC di svolgere una delle attività individuate dal tutor o di mancata accettazione di un’offerta di lavoro congrua, è obbligo del soggetto erogatore comunicare il rifiuto al Centro per l’Impiego, tramite il portale MyANPAL, ai fini dell’applicazione dei meccanismi di condizionalità; qualora il destinatario sia anche percettore di NASPI, si applicano altresì i meccanismi di condizionalità, ex art. 21, Dlgs. n. 150/2015.

    Il servizio di assistenza intensiva alla ricollocazione ha una durata di sei mesi.

    Al termine di questo periodo, il servizio è prorogabile fino a ulteriori sei mesi – previo accordo tra il lavoratore interessato e il soggetto erogatore del servizio, qualora residui parte dell’importo dell’assegno.

    Vai sul portale ANPAL per leggere di più

    Condividi:

    Ti potrebbero interessare:

    Contattaci