Viale Castrense, 8 - 00182 Roma (RM)
Via Pignatelli Aragona, 82 - 90141 Palermo (PA)

+39 06 70702121
+39 342 6488903

apl@solcosrl.it

I chiarimenti INPS sull’incentivo occupazionale IO LAVORO (2/2)

L’INPS – con Circolare del 26 ottobre 2020, n. 124 – ha fornito i primi chiarimenti operativi sull’incentivo occupazionale IO LAVORO, consistente nell’esonero totale dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per un periodo di 12 mesi dalla data di assunzione (o trasformazione) nel limite massimo di € 8.060 su base annua, per lavoratore assunto, riparametrato e applicato su base mensile.

Per espressa previsione normativa, sono esclusi dall’agevolazione:

  • i premi e contributi dovuti all’INAIL;
  • il contributo, ove dovuto, al “Fondo per l’erogazione ai lavoratori dipendenti del settore privato dei trattamenti di fine rapporto di cui all’articolo 2120 del codice civile”;
  • il contributo, ove dovuto, ai Fondi di solidarietà;
  • il contributo previsto dall’art. 25, comma 4, legge n. 845/1978, in misura pari allo 0,30% della retribuzione imponibile, destinato, o comunque destinabile, al finanziamento dei Fondi interprofessionali per la formazione continua;
  • le contribuzioni che non hanno natura previdenziale e quelle concepite allo scopo di apportare elementi di solidarietà alle gestioni previdenziali di riferimento.

L’utilizzo deve avvenire, a pena di decadenza, entro il mese di febbraio 2022.

L’incentivo è cumulabile con:

  • l’esonero strutturale all’occupazione giovanile stabile, ex art. 1, commi 100 e ss., legge n. 205/2017;
  • l’incentivo per i datori di lavoro che assumano percettori del reddito di cittadinanza, ex art. 8, decreto legge n. 4/2019.

Per l’ammissione al beneficio, il datore di lavoro deve presentare istanza all’INPS mediante l’apposita procedura telematica (che autorizzerà le istanze in base all’ordine cronologico di presentazione).

Nella fase di prima applicazione, è previsto che le richieste che perverranno nei 10 giorni successivi al rilascio del modulo telematico di richiesta dell’incentivo, non verranno elaborate entro il giorno successivo all’inoltro, ma saranno oggetto di un’unica elaborazione cumulativa posticipata tenendo conto della data di assunzione.

Contestualmente all’elaborazione cumulativa posticipata sarà resa disponibile la funzionalità di inoltro dell’istanza di conferma per la definitiva ammissione al beneficio.

Per le istanze inviate successivamente alla data di lavorazione cumulativa di cui sopra, per l’elaborazione delle stesse varrà il criterio generale, rappresentato dall’ordine cronologico di presentazione della richiesta, a prescindere dalla data di assunzione.

Il datore di lavoro, entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione di prenotazione da parte dell’INPS, il datore di lavoro deve, ove non abbia già provveduto, effettuare l’assunzione e confermare la prenotazione effettuata in suo favore.

L’incentivo in specie costituisce un aiuto di Stato.

Pertanto, il datore di lavoro che intende presentare istanza di accesso deve optare per uno dei seguenti regolamenti UE:

  • Regolamento (UE) n. 1407 del 18 dicembre 2013, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del TFUE agli aiuti “de minimis”, nonché degli altri Regolamenti disciplinanti gli aiuti “de minimis” per le imprese che forniscono servizi di interesse economico generale, che operano nel settore della pesca e nella produzione primaria di prodotti agricoli;
  • Regolamento (UE) n. 651 del 17 giugno 2014 (l’incentivo può essere fruito qualora l’assunzione comporti un incremento occupazionale netto, ai sensi dell’art. 32, paragrafo 3, del Regolamento (UE) n. 651/2014 del 17 giugno 2014).

La scelta di uno dei due regolamento UE indicati, riguarda le singole assunzioni agevolate.

Clicca e collegati al sito INPS per saperne di più

Condividi:

Ti potrebbero interessare:

Contattaci